Vespaio | Wikitecnica.com

Vespaio

Sistema per isolare dall’umidità l’attacco a terra di un edificio e assicurare idonee condizioni abitative dei locali a contatto col terreno. Il vespaio si basa sul principio della circolazione dell’aria, al di sotto del solaio, attraverso un’intercapedine ventilata. Negli edifici più semplici il vespaio era costruito con scapoli in pietra, assestati in modo da lasciare dei vuoti, sui quali si gettava poi un massetto di calcestruzzo.
Fino a pochi decenni fa, i gattaiolati erano camere ventilate al di sotto del tavellonato, appoggiato su muretti con aperture (gattaiole) per la circolazione dell’aria immessa dall’esterno, attraverso prese d’aria nei muri o nelle intercapedini laterali.
Nelle costruzioni recenti, per l’alto costo della manodopera, il vespaio è sostituito con il getto di un solaio su casseforme a perdere modulari, in plastica rigenerata e a forma di “cupola” poggiata su pilastrini. Nella cavità sottostante l’aria circola dalle aperture sui lati più freddi verso quelle, più alte, sui lati caldi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Vespaio

Wikitecnica.com