Altana | Wikitecnica.com

Altana

Roma, Palazzo Altemps,  prospetto principale e dettagli dell'altana.
Roma, Palazzo Altemps, prospetto principale e dettagli dell'altana.

Definizione

Dall’aggettivo antico altano, alto, identifica la parte di terrazzo coperta che sporge oltre il tetto, assumendo una caratteristica configurazione a loggia. Il termine è attestato nel latino medievale di Venezia agli inizi del XIV secolo.

Generalità

Le prime forme di altana moderna sembrano comparire tra il XV e il XVI secolo nei palazzi e nelle grandi dimore di campagna. Un utilizzo occasionale ma ininterrotto porterà, dal Cinquecento in poi, a un rapido radicamento nel costume edilizio di molte città, specialmente dell’Italia centrale, raggiungendo un risultato del tutto originale nei palazzi della Roma barocca. Ne sono esempi significativi Palazzo Altemps, con la sua altana angolare, a un fornice (a serliana) sulla facciata principale e due sulle altre, e Palazzo Mattei Paganica, con sistema a doppio fornice su entrambi i lati. Variante significativa è da riconoscersi nell’assetto di alcuni palazzi in cui l’altana si estende per l’intera superficie di copertura, configurando un autentico “piano attico”, di cui caso esemplare è l’abitazione dei Davanzati a Firenze.
L’altana si diffonde in seguito in tutta la penisola italica (ad esempio le ville del modenese), assumendo configurazioni e significati tra loro anche molto diversi. Nel corso del XVIII secolo è impiegata regolarmente nei monasteri femminili siciliani destinati alla clausura, per consentire alle monache di assistere alle processioni senza mostrarsi al pubblico.
Nell’architettura militare il termine indica la torretta sopraelevata oltre il muro di cinta delle caserme, destinata a ospitare la sentinella.

Copyright © - Riproduzione riservata
Altana

Wikitecnica.com