Autogrill | Wikitecnica.com

Autogrill

Sommario: 1. Definizione – Etimologia2. Caratterizzazione3. Lo sviluppo in ItaliaBibliografia

1. Definizione – Etimologia

Dal marchio “Autogrill”, introdotto nel 1963 dalla società Pavesi per caratterizzare i punti di ristoro da essa realizzati e gestiti lungo la rete autostradale (Autostrada) italiana. Il termine indica, oggi, tali strutture di tipo simile, anche se gestite da società diverse.

2. Caratterizzazione

Gli Autogrill sono ubicati lungo le autostrade o altre arterie di grande scorrimento, e si differenziano dalle semplici stazioni di rifornimento (Stazione di servizio) per la presenza di servizi di ristorazione e di vendita al dettaglio. La diffusione degli Autogrill è strettamente legata allo sviluppo delle reti autostradali e stradali.
Negli Stati Uniti, dove queste infrastrutture vengono realizzate con massicci interventi pubblici già tra le due guerre mondiali, le zone di sosta sono limitate a piccole strutture che fiancheggiano il percorso stradale. Successivamente, per proteggere gli interessi economici delle comunità ubicate in prossimità delle autostrade, diversi Stati, come anche il Governo federale, introducono divieti per la vendita al dettaglio nelle aree di sosta, costringendo dunque i ristoratori a realizzare le strutture a una certa distanza dalle uscite autostradali.
Nelle reti stradali europee, al contrario, a partire dal secondo dopoguerra l’Autogrill viene considerato un servizio essenziale per il viaggiatore, al pari del rifornimento di carburante o della riparazione dei veicoli.

3. Lo sviluppo in Italia

In Italia, le stazioni di rifornimento incarnano uno dei simboli della crescita economica postbellica. Il loro sviluppo è direttamente collegato alla costruzione dell’Autostrada del Sole, realizzata dal 1956 al 1964 a opera della Società Autostrade. Le tre aziende che competono per i servizi di ristorazione lungo la nuova arteria sono Alemagna, Motta e Pavesi. Proprio quest’ultima aveva inaugurato, nel 1947, il primo chiosco lungo l’autostrada Milano-Novara; successivamente, nel 1959, a Fiorenzuola d’Arda era stato inaugurato il primo Autogrill “a ponte”, opera di Angelo Bianchetti. Questa particolare configurazione, oltre a fornire i servizi di ristoro per i viaggiatori su entrambi i sensi di marcia in un’unica struttura, si presenta anche come edificio altamente iconico, dal carattere pubblicitario. I primi Autogrill sono inoltre caratterizzati dalla presenza di numerosi segnali di grandi dimensioni e altri richiami visivi, quali file di bandiere e sistemi di illuminazione, dispositivi congegnati per attrarre l’attenzione degli automobilisti. Lo stesso architetto Bianchetti firmerà, nei decenni successivi, altre undici strutture analoghe dislocate nell’Italia centro-settentrionale, insieme a numerosi Autogrill laterali e relative stazioni di servizio, alcuni dei quali dall’immagine distintiva, quale il triplice arco dell’Autogrill di Lainate sull’autostrada Milano-Laghi.
L’Autogrill si configura dunque come un’architettura di nuova ideazione, chiaramente ispirata a modelli d’oltreoceano quali i diner, in cui la ristorazione si caratterizza per i principi di efficienza, salubrità e igiene, distanziandosi dalla tradizione culinaria allora predominante in Italia. Attraverso gli Autogrill Pavesi, si hanno in Italia i prodromi dell’introduzione della ristorazione fast food. L’allestimento interno degli Autogrill è pertanto spiccatamente moderno, allineato con l’immagine avanguardista proposta dalle audaci strutture a ponte. Successive trasformazioni hanno invece ridotto il carattere radicale di questi allestimenti, per valorizzare, al contrario, un’immagine di tradizione artigianale nella preparazione degli alimenti. Oltre alla Pavesi, le società Motta e Alemagna realizzeranno altri Autogrill su tutto il territorio italiano. La fusione tra queste tre società nel 1976 darà vita a quella che, in seguito, diventerà la Autogrill S.p.A. Nei decenni successivi all’affermazione degli Autogrill quale complemento delle crescenti infrastrutture autostradali, il modello prevalente rimarrà quello della struttura laterale, dati gli eccessivi costi di realizzazione degli edifici a ponte. Tale soluzione non subirà variazioni di rilievo nell’impianto generale, laddove invece verranno introdotte novità per quanto riguarda l’allestimento interno.

Esempi

Stazione di servizio a Lechwiesen, Thomas Herzog, 1997; Autogrill Pavesi a Montepulciano, Angelo Bianchetti, 1967; Autogrill Pavesi a Villoresi, Lainate, Angelo Bianchetti, 1958.

Bibliografia

Johannes R., Die Autobahn und ihre Rastanlagen, Petersberg, 2005; Menduini E., L’Autostrada del Sole, Bologna, 1999; Venturi R., Imparando da Las Vegas, Venezia, 1985.

Copyright © - Riproduzione riservata
Autogrill

Wikitecnica.com