Contrafforte | Wikitecnica.com

Contrafforte

Figura 1   Contrafforti Duomo Di Parma 640x480 | Contrafforte | Costruzioni

Definizione-Etimologia

Composto di contra + forte, elemento di rinforzo in muratura, in genere prismatico o a scarpa verso l’alto. Ha funzione di stabilizzazione di un setto murario contro il ribaltamento o di contrasto alle spinte di archi, volte, cupole o terrapieni. Può avere varie forme: da quella di una parasta molto accentuata a quella di robusto setto murario di controvento; può essere aderente al muro da stabilizzare o autonomo.
Con il termine contrafforte si può anche indicare la soprelevazione in una parete di controvento, per aumentarne il peso e la stabilità. Se è addossato a un muro e ha sezione variabile, è detto anche sperone o barbacane, nel caso di muri a retta e di fortificazioni militari.

Caratteri architettonici

Nell’architettura romana è in genere poco visibile: spesso si identifica con un pilastro murale di rinforzo o è celato all’interno del volume architettonico e mimetizzato in elementi costruttivi minori, quali nicchie o esedre.
Nell’architettura romanica, e in modo particolare nelle grandi basiliche, il contrafforte inizia a essere sempre più visibile all’esterno, come nervatura addossata o come muro di stabilizzazione trasversale, spesso in corrispondenza delle imposte delle volte e associato alla presenza di cappelle.
Il contrafforte raggiunge il suo apice nell’architettura gotica, nella quale assume vera rilevanza architettonica. In genere è associato all’arco rampante, assieme al quale si oppone alla spinta delle volte e dà stabilità alle fabbriche. Spesso è rastremato, con riseghe decrescenti verso l’alto, e sormontato da pinnacoli o guglie, elementi che lo prolungano verso l’alto con l’obiettivo statico di contribuire col loro peso a stabilizzare il sistema. Di norma la sua collocazione segue il ritmo delle campate, in modo da agire proprio laddove insistono le risultanti delle spinte non equilibrate, e di consentire la realizzazione di grandi aperture vetrate. Spesso i contrafforti sono aggiunti alle fabbriche originarie quali elementi di consolidamento a seguito di dissesti.

Copyright © - Riproduzione riservata
Contrafforte

Wikitecnica.com