Fessura | Wikitecnica.com

Fessura

Il termine può riferirsi a spiragli, aperture sottili e allungate rispetto all’ordinario; più spesso assume il significato di una soluzione di continuità dell’intonaco o della muratura, formatasi per il ritiro delle malte in relazione al contenuto igrometrico o per uno stato di eccessiva sollecitazione e deformazione del pannello murario, conseguente ad anomalie del comportamento strutturale; talvolta, le fessure evidenziano disomogeneità della struttura (specie se stratificata), nascosta alla vista dalle finiture applicate sul paramento. L’importanza della manifestazione fessurativa deve stabilirsi in relazione alla causa generatrice: secondaria se superficiale o conseguente a disomogeneità costruttive talora evidenziate da cicli termici, rilevante e talvolta allarmante se derivata da dissesti statici in atto o da eventi dinamici che evidenzino carenze strutturali.
Se sottili, sono dette cavillature o filature, se ampie, lesioni o distacchi, beanti se corrispondenti a dissesti attivi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Fessura

Wikitecnica.com