Foglia d'edera | Wikitecnica.com

Foglia d’edera

Motivo architettonico ornamentale, usato soprattutto nel Tardo Gotico e nell’architettura Tudor (in ingl. Tudor flower). Le foglie d’edera, per la loro perennità, sono simbolo di immortalità, ma, per la loro natura invasiva, possono rappresentare anche la contaminazione del bene da parte del male.

In Grecia l’edera era consacrata a Dioniso, rappresentato con la fronte cinta dalle sue foglie o con un bastone in mano adorno di edera. Impiegata dagli Etruschi nelle pitture funerarie e sui vasi l’edera conosce ampia diffusione anche presso i Romani sia in oreficeria sia nella decorazione di steli funebri. In campo epigrafico, in Grecia e a Roma, tralci di edera erano scolpiti a rilievo nei timpani delle lapidi; in seguito la foglia d’edera è inserita nell’epigrafe vera e propria, diventando un segno di interpunzione del testo (cosiddetta hederae distinguentes, cioè elementi di separazione tra le parole incise), e questo uso della foglia d’edera perdura durante il Medioevo e il Quattrocento.

Copyright © - Riproduzione riservata
Foglia d’edera

Wikitecnica.com