Larario (lararium) | Wikitecnica.com

Larario (lararium)

Definizione – Etimologogia

Nicchia o sacello sacro destinato, nelle domus romane, ad accogliere il simulacro e il culto dei Lari, divinità protettrici dello spazio domestico e dei suoi abitanti. Il nome deriva da Lar, Lares (anticamente Lases), arcaiche divinità dall’etimologia oscura, legate al territorio agricolo.

Generalità

In campagna, il culto dei Lares Compitales rimase associato ai crocicchi (compitum), mentre nelle case i Lares Familiares sono spesso accompagnati da altre divinità della famiglia, come i Penati. In base agli esempi prevalentemente rinvenuti a Pompei, si distinguono tre forme di Larari: l’edicola aggettante caratterizzata architettonicamente, la nicchia ricavata nella muratura e, infine, la semplice pittura con le divinità venerate. Elemento indispensabile del Larario era la presenza di un altare.

Bibliografia

Dumézil G., La religione romana arcaica. Miti, leggende, realtà, Milano, 2001; Floriani Squarciapino M., Lari (Lares, Lar), in Enciclopedia dell’arte antica classica e orientale, vol. IV, Roma, 1961, ad vocem.

Copyright © - Riproduzione riservata
Larario (lararium)

Wikitecnica.com