Litoceramica | Wikitecnica.com

Litoceramica

Definizione

Termine italiano utilizzato per indicare il clinker, è un grés ceramico molto resistente, adatto a rivestimenti o pavimentazioni anche in forma di listelli, e caratterizzato da minima permeabilità all’acqua, alta densità, alta resistenza alle azioni meccaniche e agli agenti atmosferici e vivacità delle tinte.

Generalità

La litoceramica o pietra ceramica è composta da argille caoliniche, da fondenti (che possono essere costituiti da silicati rocciosi) e da rocce eruttive (porfidi, basalti) finemente macinate come materiale antiplastico. La formatura avviene allo stato plastico mediante estrusione o trafilatura e la cottura a temperature elevate (intorno ai 1250 °C) quasi fino a vetrificazione. A temperature più alte corrispondono generalmente colorazioni più scure del prodotto finito (anche in relazione alla percentuale di ferro presente nelle materie prime). Fu introdotta (dalla Germania) per la prima volta in Italia da Giovanni Muzio, nel 1931, per i rivestimenti del Palazzo della Triennale di Milano.

Copyright © - Riproduzione riservata
Litoceramica

Wikitecnica.com