Modiglione | Wikitecnica.com

Modiglione

Definizione – Etimologia

Dal lat. mutulus. Elemento con funzione di mensola, utilizzata come sostegno per il soffitto del gocciolatoio nelle trabeazioni di ordine ionico e più raramente dorico, allo scopo di incrementare l’aggetto delle cornici.

Generalità

Se ne diffonde l’uso a partire dai primi decenni del II sec. a.C. nell’Egeo orientale, da dove verrà adottato in ambito italico e romano specie in associazione con il capitello corinzio. I tipi variano a seconda delle aree di sviluppo: parallelepipedi i modiglioni pergameni (Atene, Stoà di Attalo), a doppia curvatura quelli rodii (Rodi, naiskoi funerari), “a travicelli” quelli sviluppatisi in ambiente alessandrino (Tolemaide, Palazzo delle Colonne).
La ripresa dell’impiego del modiglioni nelle architetture rinascimentali e barocche vedrà l’elaborazione di ulteriori varianti.

Bibliografia

Rocco G., Guida alla lettura degli ordini architettonici antichi. II. Lo Ionico, Napoli 2003, pp. 177 ss.: Von Hesberg H., Konsolengeisa des Hellenismus und der frühen Kaiserzeit, Mainz 1980.

Copyright © - Riproduzione riservata
Modiglione

Wikitecnica.com