Pario | Wikitecnica.com

Pario

Definizione

Nell’espressione “marmo pario”, è varietà di marmo bianco statuario che si estrae a Paros e in altre isole delle Cicladi.

Generalità

Costituito da calcare a struttura compatta con cristalli di dimensione medio-grande, non uniforme, esso si presenta bianco candido, talora tendente al giallo o grigio chiarissimo, traslucido fino a 35 mm di spessore.
Citato da Plinio (Naturalis Historia, XXXVI, 14) e identificato con la varietà lychnites (pietra da lampade, per la sua trasparenza in strato sottile), è tra i più celebri e pregiati marmi dell’antichità, più lucente e chiaro del marmo pentelico, preferito a esso infatti in scultura per la riproduzione dell’incarnato. Largamente impiegato anche a Roma per elementi architettonici. Per la sua tenacità nel XIX secolo era conosciuto come marmo greco duro.
Esempi di sculture realizzate in marmo pario sono la Venere di Milo conservata al Museo del Louvre di Parigi e la Venere Capitolina dei Musei Capitolini di Roma.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pario

Wikitecnica.com