Pianificazione territoriale | Wikitecnica.com

Pianificazione territoriale

Definizione

La locuzione indica l’attività di predisposizione degli strumenti di indirizzo e disciplina (i piani) dello sviluppo del territorio, inteso come area dedicata agli insediamenti umani, il quale comprende non solo temi urbanistico-edilizi, ma anche quelli del paesaggio, dei beni culturali e dell’ambiente.

Generalità

La disciplina normativa è regolata dall’art. 117 Cost., in quale stabilisce che la competenza legislativa è ripartita in modo concorrente fra Stato e Regioni nelle materie relative al governo del territorio, porti e aeroporti civili, grandi reti di trasporto e di navigazione, valorizzazione dei beni culturali e ambientali e promozione e organizzazione di attività culturali; mentre la competenza esclusiva è attribuita allo Stato con riferimento alla tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali.

Se il territorio non può essere inteso solo dal punto di vista dell’assetto urbanistico di una determinata area risulta evidente che il termine di pianificazione territoriale assume una valenza generale e omnicomprensiva. Pertanto col termine si indicano tutti gli strumenti che attuano la disciplina normativa nelle materie testé citate. In primo luogo vengono in rilievo gli strumenti di tipo urbanistico. La legge del 17.08.1942, n. 1150 (Legge urbanistica) all’art. 1 definisce la disciplina urbanistica come quella diretta a regolare l’assetto e l’incremento edilizio dei centri abitati nonché lo sviluppo urbanistico del territorio. In seguito alla sostituzione nell’art. 117 Cost. del termine “urbanistica” con “governo del territorio” si è attribuita alla nuova locuzione un’accezione più ampia ricomprendente tutto quanto si svolge sul territorio sia in termini di attività modificatrice dello stesso che di uso diverso.

Tuttavia i piani urbanistici non possono contenere tutti gli interessi pubblici legati all’assetto del territorio, pertanto ai piani che attuano la legge urbanistica si affiancano i piani di settore: piano paesaggistico (d.lgs. 42/2004), piano di bacino (d.lgs. 152/2006) e piano del parco (l. 394/1991), nonché il piano delle aree e nuclei di sviluppo industriale (d.p.r. 18/1978).

Fra i piani urbanistici si distinguono diversi tipi di piani che corrispondono a tre diversi livelli di pianificazione: piano territoriale di coordinamento a livello regionale o provinciale, piano regolatore a livello comunale, piani attuativi. I primi contengono direttive ampie e non producono effetti diretti sulle proprietà; ai sensi dell’art. 5 della legge urbanistica devono individuare le grandi vie di comunicazione, localizzazioni speciali (porti ed aeroporti), indicare le zone di speciale interesse e le localizzazioni di nuovi insediamenti anche non industriali.

I piani territoriali hanno lo scopo di indicare le direttive per un assetto organico del territorio e per il coordinamento dei piani generali comunali. I piani regolatori comunali, invece, pur avendo un carattere generale dettano prescrizioni specifiche che incidono anche direttamente sulle proprietà private (piano regolatore generale) e regolano lo sviluppo urbanistico-edilizio del territorio comunale.

I piani di terzo livello sono quelli attuativi che comprendono: piani particolareggiati, piani di lottizzazione, piani per l’edilizia economica e popolare, piani per gli insediamenti produttivi, programmi integrati e programmi pluriennali di attuazione (Piani urbanistici attuativi). In particolare questi ultimi attuano gli strumenti urbanistici generali attraverso una programmazione temporale degli interventi su determinate aree. Tuttavia non tutti i Comuni sono tenuti alla formazione di tali programmi; infatti, la legge del 25.03.1982, n. 94, modificativa della legge del 28.01.1977, n. 10, ha individuato i criteri per determinare i Comuni esonerati dalla formazione dei programmi pluriennali di attuazione (la disciplina di tali programmi è contenuta nell’art. 13 della citata l. 10/1977).

Bibliografia

D’Angelo G., Diritto dell’edilizia e dell’urbanistica, Padova, 2006; Mengoli G.C., Manuale di diritto urbanistico, Milano, 2009.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pianificazione territoriale

Wikitecnica.com