Pueblo | Wikitecnica.com

Pueblo

Chaco Canyon (New Messico, USA), Pueblo Bonito.
Chaco Canyon (New Messico, USA), Pueblo Bonito.

Definizione – Etimologia

Dal lat. pŏpŭlos (popolo), il termine nella lingua spagnola indica un villaggio.
In etnografia si dà questo nome a un tipo particolare di costruzione assai diffuso nella regione del sud-ovest degli Stati Uniti, nel territorio corrispondente agli odierni stati dell’Arizona e del Nuovo Messico, risalente all’epoca pre-colombiana e ancora oggi esistente, seppur in forma e numero ridotti.
Tali manufatti vennero edificati dal popolo degli Anasazi. Dopo la loro scomparsa, i discendenti si divisero in varie tribù (Hopi, Zuñi, Keres e Tano, a cui poi si unirono altre popolazioni dell’Arizona, i Pima e i Papago) che costruirono nuovi pueblo nelle pianure o ai piedi delle montagne.

Generalità

Nei pueblo le case sono disposte in file continue e in successione a seconda del numero di piani in cui si sviluppano: il primo ordine ha un solo piano, il secondo due, il terzo tre e così via; nel complesso sono coperte a terrazza e costruite in aderenza l’una all’altra, senza soluzione di continuità tra le case di una stessa fila o tra file successive. Il materiale da costruzione è l’adobe, il mattone d’argilla cotto al sole; le porte sono piccole e talvolta sono sostituite da aperture praticate nel tetto, accessibile con scale a pioli, mentre le finestre in origine mancavano. Taluni pueblo erano costruiti entro immense caverne (Cliff-Dwellings). Scavate nel terreno sono le kiva, ambienti circolari in genere destinati al culto o alle riunioni.
I pueblo maggiori erano adatti a contenere fino ad alcune migliaia di persone, misurando in pianta circa 200 per 200 m. Gli abitanti dei pueblo preistorici sembra siano direttamente collegabili agli abitanti di quelli attuali: a essi è stato dato il nome di pueblos.

Esempi

Le ricerche archeologiche hanno scoperto centinaia di pueblo di varie epoche, soprattutto nella valle del fiume San Juan: Pueblo Bonito, Peñasca Blanca, Hungo Pavie e altri.
Pueblo Bonito è il più grande pueblo finora noto. Ubicato nel Chaco Canyon, affluente meridionale del Rio San Juan che scorre nella zona nord-occidentale del Nuovo Messico, venne scoperto nel 1848. Questo grande villaggio, databile quasi interamente alla fase Pueblo II (860-1150 d.C) e costruito forse in quattro fasi distinte, è uno dei nove siti principali presenti all’interno del canyon ed è parte del modello culturale noto come “Chaco”. Pueblo Bonito occupa un’estensione di circa 1,2 ettari, è a forma semicircolare e conta 600 ambienti e 40 kiva. Queste ultime, molto numerose, sono dotate di tetti di legno di pino e si ritiene che venissero utilizzate da specifici clan del villaggio. In origine il complesso si articolava su quattro livelli e ospitava forse 1.200 individui, costituendo fino al 1882 il più vasto nucleo abitativo dell’America Settentrionale. La sua architettura è, inoltre, caratterizzata dall’utilizzo di blocchi di arenaria finemente lavorati che costituiscono il rivestimento dei muri. L’abbandono e la successiva fine di Pueblo Bonito sembrano doversi imputare a un periodo di siccità verificatosi alla fine del XII secolo, che compromise il sistema agricolo dell’area.
Pueblo Grande è un pueblo pre-colombiano dell’America Settentrionale, che sorge in Arizona meridionale, nella valle del fiume Gila. È cinto da un fossato profondo 9 m e largo quasi 50 e su tre lati era difeso da una possente muraglia.

Bibliografia

Americhe-Oceania, volume di Enciclopedia archeologica, Roma, 2004, ad vocem.

Copyright © - Riproduzione riservata
Pueblo

Wikitecnica.com