Tubazione | Wikitecnica.com

Tubazione

Definizione

Le tubazioni, ognuna con una sua specifica funzione, dimensione e caratteristica di materiale, concorrono a formare un sistema complesso (piping) che consente il trasferimento di fluidi all’interno di un impianto.

Generalità

Le tubazioni sono caratterizzate da una pressione nominale e da un diametro nominale. La pressione nominale PN è una indicazione convenzionale e indica il valore massimo della pressione massima di esercizio della tubazione. Il diametro nominale DN è una indicazione convenzionale che rappresenta il diametro in millimetri della sezione interna della tubazione.
Le tubazioni sono vendute in barre da 4 a 7 m o in rotoli e possono essere di varie tipologie di materiali. Tra le principali vi sono:

  • tubazioni in acciaio, disponibili in rotoli di circa 50 metri e le giunzioni fra tubo e tubo si ottengono con raccordi filettati in ottone. I tubi in acciaio dolce sono protetti contro la corrosione da uno strato superficiale di Rilsan (materiale plastico molto resistente) e da una guaina di polietilene.
    Pressione massima di esercizio: 15 ÷ 16 atm. Temperatura massima di esercizio: 95 ÷ 100°C. Le giunzioni possono essere filettate per utilizzare raccordi unificati in acciaio o in ghisa, oppure flangiate per accoppiare valvole e apparecchi che non permettono l’accoppiamento mediante filettatura;
  • tubazioni in materiale plastico. Utilizzate soprattutto negli impianti di riscaldamento (con acqua non surriscaldata), negli impianti idrici e di scarico. I tubi in polietilene reticolato si curvano con facilità sia a freddo che a caldo. Le giunzioni fra tubo e tubo si realizzano con raccordi tradizionali in ottone, oppure con raccordi serrati a pressione sul tubo (raccordi press fitting).
    Pressione massima di esercizio: 6 ÷ 10 atm. Temperatura massima di esercizio: 95°C. Sigle di individuazione: PEX, XLPE: sigle inglesi, polietilene reticolato con legami x-linked; VPE: sigla tedesca, polietilene reticolato (vernetztes Poliethylen). I tubi in polietilene ad alta densità sono utilizzati prevalentemente per la distribuzione dell’acqua fredda potabile, per impianti antincendio e di irrigazione. Sono disponibili in varie tipologie in funzione della pressione massima di esercizio a 20°C: PN 6, pressione massima di esercizio 6 atm; PN 10, pressione massima di esercizio 10 atm; PN 16, pressione massima di esercizio 16 atm. Sigle di individuazione: PEad: abbreviazione per Polietilene ad alta densità; PEHD, HDPE: abbreviazione per High Density Polyethylene;
  • tubazioni in rame. Possono essere fornite allo stato crudo o allo stato ricotto. Allo stato crudo sono commercializzate solo in verghe; allo stato ricotto sono invece disponibili in verghe e in rotoli. Sono disponibili anche con protezioni contro la corrosione e con preisolamento termico;
  • tubazioni multistrato. I tubi multistrato sono tubi ottenuti con due o più strati di materiali metallici e plastici. Si possono suddividere nei seguenti gruppi (il primo strato è quello interno): PEX-AL-PE = polietilene reticolato/alluminio/polietilene; PEX-AL-PEX = polietilene reticolato/alluminio/polietilene reticolato; PPR-AL-PPR= polipropilene reticolato/alluminio/polipropilene reticolato; PB-AL-PB = polibutene/alluminio/polibutene; CU-PEX = rame/polietilene reticolato;
  • tubazioni in piombo. Vengono usati per il gas o per acque di scarico dove le pressioni sono contenute in valori estremamente bassi.

Copyright © - Riproduzione riservata
Tubazione

Wikitecnica.com