Validazione | Wikitecnica.com

Validazione

Definizione e generalità

La validazione, introdotta in Italia dalla legge quadro sui LL.PP. 109/94, specificata dal regolamento di attuazione, d.p.r. 554/99, è, attualmente, definita dall’art. 27, allegato XXI, del nuovo codice dei contratti, d.l. 163/2006, come un’attività “finalizzata ad accertare la sussistenza, nel progetto a base di gara, dei requisiti minimi di appaltabilità, nonché la conformità dello stesso alla normativa vigente.” Il suo obiettivo è assicurare la qualità della progettazione e il rispetto di esigenze e bisogni che l’opera realizzata deve soddisfare.
È, inoltre, uno strumento di tutela dell’amministrazione in quanto mira a ridurre il rischio di contenziosi durante il processo realizzativo.
Secondo le intenzioni del normatore, non si tratta di un adempimento solo formale: è una “certificazione di conformità ed appaltabilità” rilasciata sulla base dell’esito di un processo di verifica tecnica da svolgersi nelle diverse fasi di articolazione del progetto (preliminare, definitivo, esecutivo).

Copyright © - Riproduzione riservata
Validazione

Wikitecnica.com