Velodromo | Wikitecnica.com

Velodromo

Definizione

Impianto sportivo adibito al ciclismo su pista. Il velodromo può essere al chiuso o all’aperto, con destinazione esclusiva o eventualmente attrezzato, nel campo centrale, per altre discipline sportive.

Generalità

Il progetto della pista richiede conoscenze specifiche di statica, dinamica e cinematica ed è affidato a tecnici specializzati che collaborano al progetto architettonico; la sua dimensione, dipendente dal tipo di gara cui il velodromo è destinato, detta infatti la configurazione dell’impianto generale. La lunghezza è variabile tra i 250 (tipica per gli edifici sportivi polivalenti) e i 400 m, con una preferenza per la lunghezza di 333,33 m; assume una forma anulare con tratti rettilinei paralleli raccordati da curve policentriche. Nei tratti curvi, la pista si eleva e si inclina trasversalmente verso l’interno per contrastare la forza centrifuga cui è sottoposto il ciclista in corsa. L’inclinazione è proporzionale alla velocità istantanea presunta e inversamente proporzionale al raggio di curvatura. La larghezza è costante lungo tutto l’anello, a meno di eccezioni nei tratti curvi dettate da questioni di sicurezza.

La pavimentazione della pista deve essere rigida, resistente e non troppo liscia. I materiali usati correntemente sono il legno, il cemento o l’asfalto, in funzione dei casi specifici: un legno con basso ritiro è indicato per piste all’aperto o scoperte; un bitume duro è preferito in condizioni di potente soleggiamento; maggiore stabilità è garantita dal cemento, in lastre realizzate in opera con giunti trasversali. Il traguardo è situato di solito a ¾ della lunghezza del tratto rettilineo, onde consentire al corridore la volata finale e lasciare un’adeguata distanza per la decelerazione. La postazione della giuria è in prossimità del traguardo.

Le tribune per gli spettatori, prevalenti lungo i tratti rettilinei, devono avere una spiccata inclinazione per ottimizzare la visibilità.

All’interno della struttura del velodromo sono inoltre compresi i servizi per il pubblico, i servizi per gli atleti (spogliatoi, palestra, alloggi temporanei ecc.), un pronto soccorso e i locali per l’amministrazione, la giuria e la stampa.

Per una corretta localizzazione dei velodromi all’aperto è importante considerare le condizioni ambientali. Aree troppo ventose non sono adatte allo svolgimento delle attività; aree molto influenzate dalle condizioni atmosferiche dovranno prevedere idonee coperture, per proteggere il rivestimento della pista dal soleggiamento eccessivo o le tribune dalla pioggia. L’orientamento migliore per il velodromo all’aperto è quello con l’asse maggiore in direzione Nord-Sud, con una tolleranza di 15°, e la tribuna – o almeno la tribuna principale – disposta con le spalle rivolte a ovest, ossia al sole pomeridiano, visto l’usuale orario dello svolgimento delle gare.

I primi velodromi compaiono alla fine del XIX secolo con la nascita dello sport del ciclismo e proliferano poi con il suo affermarsi. Nel 1923 il Palazzo dello Sport di Milano (Vietti Violi) vanta una pista per gare ciclistiche. Sempre a Milano, il velodromo Vigorelli (Baselli, Fini, 1935) è costruito sulla scia dei migliori esempi internazionali per alloggiare la pista smontata dall’attuale stadio Flaminio di Roma e costruita nel 1932 dallo studio Schürmann Architects, che da 1926 ai giorni nostri è riconosciuto come il più esperto nella progettazione di piste per ciclismo. Alla sua collaborazione si devono più di un centinaio di velodromi, di cui numerosi velodromi olimpici, da quello di Berlino del 1936 a quello di Pechino del 2008. Tra questi, di rilevante interesse architettonico sono il velodromo Olimpico di Roma del 1960 (Ligini, Ortensi, Ricci, demolito nel 2008) e quello di Berlino del 1999 (Perrault), realizzato per la candidatura alle Olimpiadi del 2000.

Bibliografia

Arnaboldi M.A., Atlante degli impianti sportivi, Milano 1982; Carbonara P., Architettura Pratica, Agg. 2, Torino 1989; Carrara G., Angeletti P., Gli impianti sportivi, Roma, 1995; Donghi D., Manuale dell’architetto, Torino, 1920.

Copyright © - Riproduzione riservata
Velodromo

Wikitecnica.com