Biomasse | Wikitecnica.com

Biomasse

Caldaia A Pellet | Biomasse | Impianti

Definizione

Per biomasse si intende la parte biodegradabile dei prodotti, rifiuti e residui provenienti dall’agricoltura (comprendente sostanze vegetali e animali) e dalla silvicoltura e dalle industrie connesse, nonché la parte biodegradabile dei rifiuti industriali e urbani.

Generalità

Esistono tre tipi di processi che consentono la conversione energetica della biomassa:

  1. processi termochimici: trasformazioni chimiche che avvengono in presenza di elevati valori di temperatura. Appartengono a questa categoria la combustione, la gassificazione e la pirolisi;
  2. processi biochimici: trasformazioni chimiche attivate dall’azione di enzimi, funghi e microrganismi che si formano in presenza di opportune condizioni ambientali (temperatura e pressione). Processi tipici sono la fermentazione alcolica, la digestione aerobica ed anaerobica per la produzione di biogas o bioetanolo;
  3. processi chimico-fisici: estrazione di oli vegetali ed eventuale successiva reazione chimica di transesterificazione per la produzione di biodiesel.

Sono numerose le situazioni nel campo dell’edilizia dove l’installazione di una caldaia alimentata a biomassa (cippato di legna, pellet) al posto di una alimentata a combustibili fossili (metano, gasolio, GPL) può risultare vantaggiosa sia dal punto di vista ambientale che economico, grazie anche a forme diverse di incentivo. La realizzazione di un impianto di questo tipo richiede oltre alla realizzazione della centrale termica, la predisposizione di un locale adibito a deposito di biomassa, che dovrà essere rifornito periodicamente.

Copyright © - Riproduzione riservata
Biomasse

Wikitecnica.com