Corsia | Wikitecnica.com

Corsia

Definizione – Etimologia

Dal latino cursivus aggettivo derivato dal termine cursus, che significa direzione, percorso, andamento, quindi con il significato letterale di “cosa pertinente al percorso”.

Generalità

Lo spazio vuoto che distribuisce il passaggio soprattutto tra i letti dei degenti di un ospedale, ma anche tra i tavoli in un locale o tra le file di posti a sedere nel mezzo di trasporto pubblico; il corridoio che consente il passaggio del pubblico tra le file di poltrone a teatro o al cinema. Nell’ospedale si indica come corsia anche  un’intera camerata, una stanza lunga, la stessa sala di degenza che contiene i letti allineati. Porzione di una pista di gara equestre per un solo cavallo. In atletica la corsia è l’area destinata a un atleta in una pista o in una piscina. Poco utilizzato, corsia come strada per il passeggio, equivalente di corso. Nel campo dei trasporti la corsia è una parte della carreggiata stradale destinata a un senso di marcia o ad una sola fila di veicoli, solitamente delimitata da segnaletica orizzontale. Le corsie hanno dimensioni stabilite secondo il tipo di strada e vengono distinte secondo la funzione in corsia di marcia, corsia di accelerazione, corsia di decelerazione, corsia di emergenza.

Esempi

Corsia sistina dell’Ospedale di Santo spirito a Roma, architetto Baccio Pontelli (1474-1478). Corsie dell’ospedale di S. San Gallicano a Roma, architetto Filippo Raguzzini (1724-1726).

Copyright © - Riproduzione riservata
Corsia

Wikitecnica.com